research paper themes is creative writing a major heart of darkness essay help case study writing henry david thoreau essay using online essay help jason gordon masters thesis
Esprimi il tuo giudizio
Ultimo aggiornamento: 31/08/2020

Mediazione

La mediazione è un metodo di soluzione delle controversie che si definisce "alternativo" al rito processuale ordinario perché offre l'opportunità di dirimere una disputa insorta tra due o più soggetti, in via "amichevole" ossia avvalendosi dell'assistenza di un mediatore professionista che, in quanto indipendente ed imparziale, potrà meglio aiutarli a trovare un accordo di reciproca soddisfazione.

La mediazione è disciplinata, in modo organico, dal DLgs 28/2010 e s.m.i. (e relativo decreto di attuazione, dm 180/2010), il quale stabilisce che la procedura possa essere amministrata solo da Organismi di Mediazione iscritti nell'apposito Registro istituito presso il Ministero della Giustizia

La normativa distingue diversi tipi di mediazione

  • mediazione obbligatoria: in alcune materie la mediazione è condizione di procedibilità per l'avvio del processo. Si tratta di controversie in materia di:
    ◦diritti reali (es. distanze nelle costruzioni, usufrutto, servitù di passaggio, ecc.)
    ◦divisione
    ◦successioni ereditarie
    ◦patti di famiglia
    ◦locazione
    ◦comodato
    ◦affitto di aziende
    ◦risarcimento del danno da responsabilità medica e sanitaria e da diffamazione con il mezzo della stampa o con altro mezzo di pubblicità
    ◦contratti assicurativi, bancari e finanziari
    ◦condominio
  • mediazione volontaria: su qualsiasi altra materia al di fuori di quelle previste all'art. 5, co. 1, d.lgs. 28/2010, la mediazione potrà sempre essere avviata dalle parti su base volontaria, sia prima che durante il processo qualora la vertenza abbia ad oggetto diritti disponibili
  • mediazione demandata dal giudice: il giudice, anche in sede di giudizio di appello, valutata la natura della causa, lo stato dell’istruzione e il comportamento delle parti, può disporre l’esperimento del procedimento di mediazione. In tal caso, l’esperimento del procedimento di mediazione è condizione di procedibilità della domanda giudiziale anche in sede di appello.

In ogni caso la mediazione  è una opportunità che offre diversi vantaggi:

  • semplicità, perché la gestione del procedimento è caratterizzata dall’assenza di formalità
  • rapidità dei tempi di soluzione, perché la procedura di mediazione si deve concludere, salvo diversa volontà espressa delle parti, entro 3 mesi dalla data di deposito della domanda;
  • costi contenuti e predeterminati, le spese di mediazione sono rapportate al valore della controversia e sono conoscibili fin dall’inizio;
  • riservatezza della procedura;
  • continuità dei rapporti tra le parti, non essendoci mai né vinti né vincitori
  • efficacia esecutiva, qualora l'accordo venga raggiunto nel rispetto di quanto previsto dall’art. 12 del DLFS 28/2010 il relativo verbale può essere omologato, su istanza di parte, con decreto del Presidente del Tribunale; in questo caso ha valore di titolo esecutivo.
  • agevolazioni fiscali.

Presso la sede di Udine della CCIAA di Pordenone-Udine opera l’Organismo di mediazione iscritto al numero 26 del Registro degli Organismi abilitati a svolgere la mediazione tenuti dal Ministero di Giustizia.

L’Organismo è competente a gestire le mediazioni obbligatorie le cui controversie sono di competenza del Tribunale di Udine ai sensi del comma 1 dell’art. 4 del DLGS n.28/2010.

Per informazioni è possibile rivolgersi dal lunedì al venerdì, dalle 8.30 alle 12.30 a 

Dott.ssa Fiorella Piccin
U.O. Tutela e legalità
Tel 0434381258-0434381247
Corso Vittorio Emanuele II,  47
33170 Pordenone
 e-mail: regolazione.mercato@pn.camcom.it