Esprimi il tuo giudizio
Ultimo aggiornamento: 03/07/2017

Modello di utilità

Brevetto nazionale

Il modello di utilità è un trovato che fornisce a macchine o parti di esse, a strumenti, utensili od oggetti di uso in genere, particolare efficacia o comodità di applicazione o d’impiego.
 
I requisiti per ottenere un brevetto per modello di utilità sono:
 
Novità - il trovato non deve essere già compreso nello stato della tecnica o, se lo è, deve essere in funzione di una nuova utilizzazione; per stato della tecnica si intende tutto ciò che è stato reso accessibile al pubblico, in Italia o all’estero, prima della presentazione della domanda;
Attività inventiva - il trovato deve avere una particolare efficacia o comodità di applicazione;
Applicazione industriale - il trovato deve poter essere oggetto di fabbricazione ed utilizzo in campo industriale;
Liceità - il trovato non deve essere contrario all’ordine pubblico e al buon costume.
 
Il diritto al brevetto, cioè il diritto esclusivo di attuare il trovato e di trarne profitto nel territorio dello stato, spetta all'autore o ai suoi aventi causa.
Se la realizzazione è avvenuta nell'esecuzione di un rapporto di lavoro in cui l'attività inventiva è prevista come oggetto del rapporto, e a tale scopo retribuita, i diritti derivanti dal brevetto appartengono al datore di lavoro; all'inventore spetta il diritto morale di esserne riconosciuto autore.
Anche nel caso in cui il rapporto di lavoro non preveda espressamente l’attività inventiva, e quindi non sia indicata una particolare retribuzione per essa, l’invenzione spetta al datore di lavoro; in questo caso però all’inventore spetta, oltre al diritto morale di essere riconosciuto autore, un equo premio.
Il diritto di sfruttamento conseguito con la brevettazione dura 10 anni (non rinnovabile né prorogabile), oppure fintanto che risultano pagati i diritti quinquennali. Tale diritto decorre dalla data di deposito della domanda di brevetto, oppure, per le domande presentate successivamente all’entrata in vigore del Decreto direttoriale 26/01/2015, dal pagamento delle tasse.

La durata del modello di utilità è di 10 anni decorrenti dalla data di deposito della domanda. Tale termine non può essere rinnovato né prorogato.

DOVE PRESENTARE
Per ottenere il brevetto per modello di utilità è necessario presentare la domanda, completa della prescritta documentazione, all’Ufficio Italiano Brevetti e Marchi, scegliendo tra le seguenti modalità:

COSA PRESENTARE
La documentazione da presentare in Camera di Commercio, debitamente sottoscritta dal richiedente è la seguente:

  1. modulo di domanda compilato in modo indelebile a macchina o a computer (vedi pagina modulistica);
  2. descrizione, composta da titolo, riassunto, descrizione e rivendicazioni
  3. tavole di disegno, numerate progressivamente.

COSTI E TASSE

DIRITTI DI DEPOSITO E MANTENIMENTO IN VITA

All’atto di presentazione in Camera di Commercio della domanda di brevetto viene prodotto l’F24 per il pagamento dei diritti a copertura dei primo quinquennio.

BREVETTI PER MODELLI D’UTILITA’  
Diritti di deposito Euro
1) Per descrizione e tavole di disegno in formato elettronico 50,00
2) Per descrizione e tavole di disegno in formato cartaceo 120,00
   
Diritto di mantenimento in vita oltre il quinto anno  
- secondo quinquennio 500,00
   
Diritto di mora  
Per il ritardo del pagamento secondo quinquennio (entro il semestre successivo alla scadenza) 100,00

I diritti per il deposito e per il mantenimento in vita dei brevetti per modello di utilità vanno versati con modello F24 – versamenti con elementi identificativi

DIRITTI DA PAGARE ALLA CAMERA DI COMMERCIO
 € 40,00 per la presentazione della domanda, se si richiede copia conforme del verbale di deposito verranno richiesti altri € 3,00 per l'autentica dell'atto. Il pagamento si effettua direttamente allo sportello, in contanti o bancomat.

Sedi e orari