Esprimi il tuo giudizio
Ultimo aggiornamento: 24/04/2020

Spedizionieri

Normativa di riferimento

Legge 14 novembre 1941, n. 1442
Legge 15 dicembre 1949, n. 1138
D.Lgs. 26 marzo 2010, n. 59 – art. 76
D.M. 26 ottobre 2011
D.Lgs, 6 agosto 2012, n. 147 – art. 14, art. 20 lettera d


Sono spedizionieri gli imprenditori che svolgono abitualmente attività di spedizione per terra, per mare e per aria, obbligandosi di provvedere in proprio nome o in nome del committente ed in ogni caso per conto del committente, alla stipulazione del contratto di trasporto col vettore, al compimento della spedizione od alle operazioni accessorie.

Non rientrano nella normativa che disciplina le imprese di spedizione (legge 14/11/1941 n. 1442) gli spedizionieri doganali: l'attività degli spedizionieri doganali accreditati presso le dogane della Repubblica a norma della legislazione vigente viene, a tutti gli effetti giuridici, riconosciuta quale professione qualificata avente per oggetto le materie: fiscale, merceologica, valutaria, e quant'altro si riferisce al campo doganale. Il titolo professionale di spedizioniere doganale spetta a coloro i quali abbiano ottenuto la nomina come tali, a norma della legislazione vigente. La nomina a spedizioniere doganale dà diritto alla iscrizione nell'apposito albo professionale. Tale iscrizione è obbligatoria per poter esercitare la professione di spedizioniere doganale.

A decorrere dal 12 maggio 2012 sono entrati in vigore i decreti del Ministero dello sviluppo economico che hanno previsto nuove modalità d’iscrizione al Registro delle Imprese e al REA degli agenti d’affari in mediazione, degli agenti e rappresentanti di commercio, dei mediatori marittimi e degli spedizionieri, nonché la definitiva soppressione dei relativi Ruoli (ora sostituiti dal Registro Imprese).

L’attività può essere esercitata da imprese individuali o società, presentando all'Ufficio del Registro delle Imprese apposita SCIA (Segnalazione Certificata di Inizio Attività) compilata su modello informatico, corredata dell’autocertificazione o delle dichiarazioni attestanti il possesso dei requisiti prescritti dalla legge.

Requisiti

I requisiti devono essere posseduti dal titolare di impresa individuale e nel caso di società da tutti i legali rappresentanti.

Requisiti morali

  1. non essere stato condannato per delitti contro l'amministrazione della giustizia, la fede pubblica, l'economia pubblica, l'industria, il commercio, il patrimonio, nonché per ogni altro delitto non colposo per il quale la legge commini la pena della reclusione non inferiore nel minimo a due anni o, nel massimo, a cinque anni, salvo che non sia intervenuta la riabilitazione;
  2. non essere sottoposto alle misure di prevenzione antimafia, divenute definitive, a norma delle leggi 27 dicembre 1956, n. 1423, 10 febbraio 1962, n. 57, 31 maggio 1965, n. 575, 13 settembre 1982, n. 646 (requisito che deve possedere anche ogni membro dell'organo amministrativo);

Requisiti professionali

  • aver conseguito un diploma di istruzione secondaria di secondo grado in materie commerciali;

oppure

  • aver conseguito un diploma universitario o di laurea in materie giuridico-economiche;

oppure

  • aver svolto un periodo di esperienza professionale qualificata nello specifico campo di attività, in qualità di titolare, legale rappresentante o dipendente impiegato di 1^ livello o dirigente con mansioni operative, per almeno due anni anche non continuativi nel corso dei cinque anni antecedenti alla data di presentazione della segnalazione certificata di inizio attività, presso un'impresa del settore, comprovato da idonea documentazione che abbia esercitato legittimamente l'attività di spedizioniere;

Requisiti di capacità finanziaria

per le società con capitale sociale versato inferiore ad euro 100.000,00: polizza assicurativa o fidejussione bancaria (con allegata la carta d'identità funzionari di banca firmatari) per un importo pari alla differenza tra euro 100.000,00 ed il capitale sociale versato;

per le imprese individuali e le società cooperative: polizza assicurativa o fidejussione bancaria (con allegata la carta d'identità dei funzionari di banca firmatari) per euro 100.000,00, OPPURE dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà con fotocopia della carta d’identità in corso di validità con la quale il richiedente dichiari i beni immobili di sua proprietà e l’assenza di ipoteche sugli stessi, con i relativi dati fiscali completi per un valore legale complessivo pari o superiore ad euro 100.000,00, OPPURE copia dei documenti comprovanti l’esistenza di un deposito vincolato in denaro o titoli per un valore legale complessivo pari o superiore ad euro 100.000,00.

 Le polizze assicurative e le fidejussioni bancarie devono contenere la seguente clausola:

“La presente fidejussione / polizza viene emessa - ai fini dell’accertamento del requisito di adeguata capacità finanziaria cui all’art. 6 comma 3 della Legge 14 novembre 1941, n. 1442, così come sostituito dall’art. 76 del D.Lgs. 26 marzo 2010, n. 59 – a garanzia delle obbligazioni, sorte nei confronti dei terzi, derivanti, ai sensi dell’art. 1173 del Codice Civile, dall’esercizio dell’attività di spedizioniere di cui agli artt. 1737 del Codice Civile ed alla Legge 14 novembre 1941, n. 1442., svolta dalla Società denominazione sociale (codice fiscale, partita iva) con sede legale operativa in città, indirizzo (oppure con sede legale in città, indirizzo e unità locale operativa in città, indirizzo).
Questa nostra obbligazione sarà duratura e valida per un anno e si intenderà rinnovata di anno in anno, salvo reciproco diritto di revoca da comunicarsi a mezzo lettera raccomandata almeno sessanta giorni prima della scadenza dell’impegno in corso.
Questo istituto di credito / compagnia d’assicurazioni prende atto che la liberazione della presente fidejussione / polizza potrà avere luogo, in ogni caso, solamente con provvedimento della Camera di Commercio di Pordenone.”

Cauzione

L’inizio attività è subordinato al deposito di una cauzione di € 258,23 a favore della Camera di Commercio ove l’impresa ha sede legale, da versare alla Cassa Depositi e prestiti della Tesoreria provinciale dello stato.
L’attestazione dell’avvenuto deposito deve essere allegata alla pratica telematica.

ISCRIZIONE NEL REGISTRO IMPRESE

L’attività di spedizioniere è soggetta a Segnalazione Certificata di Inizio Attività (S.C.I.A.), ai sensi dell’art. 49 del comma 4 bis della L.122/2010, corredata delle autocertificazioni e delle dichiarazioni attestanti il possesso dei requisiti sopraindicati.

Coloro che intendono esercitare l’attività devono presentare al Registro delle Imprese domanda d'iscrizione mediante il sistema della Comunicazione Unica - utilizzando ComunicaSTARWEB http://starweb.infocamere.it o programmi compatibili, allegando al modello I1, I2, S5, UL (a seconda del soggetto giuridico richiedente), la SCIA (modello SPEDIZIONIERI, previsto dal DM 26.10.2011).

La pratica va presentata alla Camera di Commercio della provincia dove l’impresa esercita l’attività:

L'impresa che esercita l'attività in più unità locali presenta una SCIA per ciascuna di esse. Presso ogni localizzazione in cui si svolge l'attività, l'impresa nomina almeno un preposto, in possesso dei requisiti morali e professionali idonei allo svolgimento dell'attività, autocertificati nel modello SPEDIZIONIERI e INTERCALARE REQUISITI.
E’ ammessa anche la preposizione presso più localizzazioni a condizione che, in base all’organizzazione dell’attività svolta, venga garantita la copertura delle localizzazioni nel rispetto della normativa vigente. Si veda modello standard di dichiarazione da rendere da parte del titolare di impresa individuale o del legale rappresentante di società qui sotto allegato.


ATTENZIONE: trattandosi di SCIA la data di inizio attività dovrà coincidere con la data di invio telematico della pratica.

L'ufficio competente, concluderà l’istruttoria della pratica in un tempo massimo di 60 giorni dalla data dell’invio, mentre l’attività d’impresa inizia nel giorno di trasmissione della stessa.
Le modalità di presentazione della pratica di iscrizione al Registro imprese e della relativa SCIA sono contenute nella Guida alla Compilazione per le attività relative agli Agenti e Rappresentanti di Commercio, Mediatori, Spedizionieri e Mediatori Marittimi. http://starweb.infocamere.it/starweb/docPubblici/GUIDA_STARWEB_DS.PDF

Verifica dinamica per Spedizionieri

Ai sensi dell'articolo 6 del Decreto del Ministero dello Sviluppo Economico del 26.10.2011, almeno una volta ogni quattro anni dalla presentazione della SCIA, il Registro delle Imprese verifica la permanenza dei requisiti che consentono all’impresa lo svolgimento dell'attività di spedizioniere.
Il Registro delle Imprese entro il 2019 avvia la verifica che interessa tutte le imprese attive al 31/12/2018 e che svolgono attività di Spedizioniere.

COME AVVIENE LA VERIFICA DINAMICA DELLE IMPRESE
Le imprese esercenti l’attività di spedizioniere ricevono al proprio indirizzo PEC - Posta Elettronica Certificata, la comunicazione di avvio della verifica.

Per confermare il possesso dei propri requisiti le imprese coinvolte devono presentare al Registro Imprese entro il 29/02/2020 apposita pratica telematica con Comunicazione Unica.

La pratica telematica deve essere presentata al registro imprese / rea della Camera di Commercio della sede legale dell’impresa anche nel caso di imprese con localizzazioni operative in altre province.
Alla pratica telematica deve essere allegato il modello VERIFICA DINAMICA DELLA PERMANENZA DEI REQUISITI IMPRESE ESERCENTI ATTIVITA’ DI SPEDIZIONIERE - allegato a scarico - che il legale rappresentante/titolare dovrà compilare e sottoscrivere.
Il modello potrà essere sottoscritto:
a) con modalità digitale oppure
b) con modalità autografa: in questo caso il documento viene stampato, compilato e firmato su carta, scansionato e il relativo file informatico PDF/A firmato digitalmente da chi presenta la pratica telematica, con allegata scansione del documento d’identità in corso di validità del sottoscrittore.

Soggetti e requisiti di onorabilità
La verifica della permanenza dei requisiti morali e antimafia viene eseguita direttamente dall’ufficio Registro Imprese attraverso l’acquisizione del certificato del casellario giudiziale e della comunicazione antimafia, senza necessità di alcuna autocertificazione e riguarderà:

  • il titolare di impresa individuale
  • tutti i legali rappresentanti di impresa societaria
  • tutti i soggetti indicati dalla normativa antimafia, compreso il direttore delle società cooperative e loro consorzi
  • gli eventuali preposti
  • e tutti coloro che svolgono a qualsiasi altro titolo l'attività per conto dell'impresa, compresi i procuratori e i dipendenti, anche presso le unità locali.

Per i requisiti antimafia, la verifica riguarderà anche soggetti diversi da quelli sopraindicati, individuati puntualmente dalla normativa antimafia di cui all’articolo 67 del D.Lgs. 159/2011.
Tali requisiti dovranno essere posseduti in capo, oltre che al direttore tecnico ove previsto, ai seguenti soggetti di cui all’art. 85 commi 1,2,2 bis e 2 ter del D.Lgs.159/2011 e cioè:

  • a) per le imprese individuali: in capo al titolare;
  • a bis) per le associazioni, a chi ne ha la legale rappresentanza;
  • b) per le società di capitali anche consortili ai sensi dell'articolo 2615-ter del codice civile, per le società cooperative, per i consorzi di cooperative, per i consorzi di cui al libro V, titolo X, capo II, sezione II, del codice civile, al legale rappresentante e agli eventuali altri componenti l'organo di amministrazione nonché a ciascuno dei consorziati che nei consorzi e nelle società consortili detenga, anche indirettamente, una percentuale pari almeno al 5 per cento;
  • c) per le società di capitali, anche al socio di maggioranza in caso di società con un numero di soci pari o inferiore a quattro, ovvero al socio in caso di società con socio unico;
  • d) per i consorzi di cui all'articolo 2602 del codice civile e per i gruppi europei di interesse economico, a chi ne ha la rappresentanza e agli imprenditori o società consorziate;
  • e) per le società semplici e in nome collettivo, a tutti i soci;
  • f) per le società in accomandita semplice, ai soci accomandatari;
  • g) per le società di cui all'articolo 2508 del codice civile, a coloro che le rappresentano stabilmente nel territorio dello Stato;
  • h) per i raggruppamenti temporanei di imprese, alle imprese costituenti il raggruppamento anche se aventi sede all'estero, secondo le modalità indicate nelle lettere precedenti;
  • i) per le società personali ai soci persone fisiche delle società personali o di capitali che ne siano socie;
  • l) per le associazioni e società di qualunque tipo, anche prive di personalità giuridica, anche ai soggetti membri del collegio sindacale o, nei casi contemplati dall'articolo 2477 del codice civile, al sindaco, nonché ai soggetti che svolgono i compiti di vigilanza di cui all'articolo 6, comma 1, lettera b) del decreto legislativo 8 giugno 2001, n. 231.
  • m) per le società costituite all'estero, prive di una sede secondaria con rappresentanza stabile nel territorio dello Stato, a coloro che esercitano poteri di amministrazione, di rappresentanza o di direzione dell'impresa.

Requisiti finanziari
Oltre alla verifica dei requisiti di onorabilità dei soggetti, saranno oggetto della verifica dinamica anche i requisiti finanziari dell’impresa, compresa la cauzione a garanzia delle obbligazioni nascenti dall’esercizio dell’attività.

Imprese plurilocalizzate
Si avverte che la pratica telematica va presentata presso la Camera di Commercio della sede legale dell’impresa anche se l’attività viene svolta solo o anche presso unità locali ubicate fuori provincia. Pertanto il modello verifica dinamica requisiti deve essere compilato e sottoscritto ed inviato all’interno della pratica telematica anche per i soggetti operanti presso unità locali ubicate fuori provincia.

Modalità di presentazione della pratica telematica
Valgono le ordinarie regole di predisposizione delle pratiche telematiche registro imprese / rea. Si ricorda che la Camera di Commercio di Pordenone – Udine è nata dall’accorpamento delle due preesistenti camere di commercio e il Registro delle Imprese è unico ma l’ufficio è ancora strutturato per la gestione delle pratiche su base provinciale. Pertanto è necessario fare attenzione a selezionare in fase di predisposizione ed invio della pratica telematica la sigla della provincia della sede legale dell’impresa e il relativo numero REA.

Costi
Diritti di segreteria
euro 18,00

AVVERTENZE
Qualora nel termine concesso l’impresa non provveda all’adempimento, sarà avviato procedimento di inibizione alla continuazione dell’attività, salvo l’avvio di procedimenti disciplinari o l’accertamento di violazioni amministrative.
Allo stesso modo si procederà qualora venisse riscontrata la sopravvenuta mancanza di uno dei requisiti di legge.

Per le informazioni relative a tutti i requisiti richiesti per l’esercizio della attività di spedizioniere consultare la scheda dedicata all’attività di Spedizionieri del sito.

UFFICIO COMPETENTE
Ufficio Registro Imprese
Corso Vittorio Emanuele II, 47 - Pordenone
tel. 0434/381243 
E-mail: registro.imprese@pn.camcom.it
PEC: cciaa.pordenone@pn.legalmail.camcom.it
per gli orari vedi nell’home page “sedi e orari”