custom header code thesis gre argument essay sample determine criteria euthanized united states domyessay com business plan free sample what is business plan in entrepreneurship thomas malthus essay on the principle of population essay writing service london phd research proposal in computer networks how to be creative in writing
Esprimi il tuo giudizio
Ultimo aggiornamento: 22/07/2020

Sanzioni registro imprese

Riferimenti normativi
Articoli 2194 e 2630 del Codice civile; Legge 24 novembre 1981, n. 689; norme del codice civile che prevedono  termini per le domande di iscrizione e deposito al Registro delle imprese.

A chi si applicano
A ciascuno dei soggetti tenuti a chiedere un’iscrizione o ad effettuare un deposito nel Registro delle imprese.
Quando più persone concorrono in una violazione amministrativa, ciascuna di esse soggiace alla sanzione per questa disposta, salvo che sia diversamente stabilito dalla legge (articolo 5 della Legge 24 novembre 1981, n. 689).
Se la violazione è commessa dal rappresentante di una persona giuridica o di un ente privo di personalità giuridica, la persona giuridica o l’ente è obbligato in solido con l’autore della violazione al pagamento della somma da questo dovuta (articolo 6 della Legge 24 novembre 1981, n. 689): pertanto, qualora gli obbligati principali non vi provvedano, l’importo della sanzione e le spese del procedimento dovranno essere versate dalla società.

Quando si applicano
Le sanzioni Registro imprese vengono applicate in caso di domanda di iscrizione o di deposito nel Registro delle imprese oltre il termine previsto dalla legge o nel caso di omissione di  denunce, comunicazioni o depositi presso il Registro delle imprese.
Generalmente, le domande di iscrizione o deposito al Registro delle imprese devono essere presentate entro 30 giorni dalla data dell'atto o del verificarsi dell'evento, fatti salvi altri termini per specifici adempimenti.
Ai fini del calcolo per il termine entro cui presentare una domanda al R.I. non si computa il giorno nel corso del quale cade il momento iniziale del termine (artt. 1187, 2963 cc).
Se il termine scade di sabato o di giorno festivo, la scadenza è spostata al primo giorno lavorativo successivo (D.P.R. n. 558/99 art. 3, comma 2, in vigore dal 6/12/2000).
Si precisa, inoltre, che la ricorrenza del Santo Patrono (Legge 27 marzo 1949, n. 260) non è
considerata giorno festivo ai fini del computo del termine per la presentazione delle domande al Registro imprese – REA, pertanto la scadenza non è prorogata.

Notifiche
Il verbale di accertamento viene notificato agli obbligati principali, all’indirizzo della residenza o del domicilio, se comunicato al Registro imprese, e all’obbligato in solido presso la sede legale.

Modalità e termini di pagamento
L'importo della sanzione, unitamente alle spese di procedimento, deve essere versato con modello F23 che, in facsimile, viene allegato al verbale di accertamento.
Il pagamento deve essere effettuato entro 60 giorni dalla data di notifica del verbale presso qualsiasi ufficio postale/ufficio di riscossione tributi/sportello bancario.
Per poter effettuare la tempestiva registrazione dell'avvenuto pagamento, si invita l'interessato ad inoltrare copia della ricevuta del modello F23 entro 10 giorni dal versamento all'Ufficio Registro Imprese nelle modalità indicate nel verbale di accertamento.

Scritti difensivi
Entro 30 giorni dalla data di notifica del verbale di accertamento della violazione, gli interessati, in alternativa al pagamento, possono far pervenire all'Ufficio Vigilanza Prodotti e Sanzioni della C.C.I.A.A. sede legale di Udine scritti difensivi in carta semplice, con i quali possono richiedere di essere sentiti dall'Ufficio.

Prescrizione
Il diritto dell'Ufficio a riscuotere le somme dovute a titolo di sanzione si prescrivono nel termine di 5 anni dalla data di violazione.

Spese di procedimento e notifica
Con delibera della Giunta Camerale n. 7 del 19.11.2018 – allegato A), sono in vigore i seguenti importi relativi a spese di procedimento e notifica del verbale:

  • Euro 30,00 per ogni obbligato

Sanzioni REA

Riferimenti normativi
Legge 630/1981; circolare MICA 3202/C del 22.01.1990 “Istruzioni sugli accertamenti da effettuare e sulla documentazione da richiedere per le denunce di iscrizione, modifiche e cessazioni per il registro ditte”.

A chi si applicano
A ciascuno dei soggetti tenuti alla denuncia, in base a quanto disposto dagli articoli 47 e 48 del T.U. 2011/1934.
Se la violazione è commessa dal rappresentante di una persona giuridica o di un ente privo di personalità giuridica, la persona giuridica o l’ente è obbligato in solido con l’autore della violazione al pagamento della somma da questo dovuta (articolo 6 della Legge 24 novembre 1981, n. 689): pertanto, qualora gli obbligati principali non vi provvedano, l’importo della sanzione e le spese del procedimento dovranno essere versate dalla società.

Quando si applicano
Le sanzioni R.E.A., in forza del richiamo dell’art. 9 D.P.R. n. 581/95, vengono applicate:
in caso di denuncia al Repertorio Economico Amministrativo di dati economici e/o amministrativi presentata oltre il termine di 30 giorni dall’evento, di cui all’art. 48 del T.U. 2011/1934, modificato dall’art.1 della Legge n. 630/1981;
in caso di omissione della denuncia al Repertorio Economico Amministrativo, come da Legge n. 435/87.
Ai fini del calcolo per il termine entro cui presentare una denuncia REA, occorre contare i giorni
partendo da quello successivo all’evento.
Se il termine finale scade di sabato o di giorno festivo, la scadenza è spostata al primo giorno
lavorativo successivo (D.P.R. n. 558/99 art. 3, comma 2, in vigore dal 6/12/2000).
Si precisa, inoltre, che la ricorrenza del Santo Patrono (Legge 27 marzo 1949, n. 260) non è
considerata giorno festivo ai fini del computo del termine per la presentazione delle domande al Registro imprese – REA; pertanto la scadenza non è prorogata.

Notifiche
Il verbale di accertamento viene notificato agli obbligati principali all’indirizzo della residenza o del domicilio, se comunicato al Registro imprese, e all’obbligato in solido presso la sede legale.

Modalità e termini di pagamento
L'importo della sanzione, unitamente alle spese di procedimento, deve essere versato con modello F23 che, in facsimile, viene allegato al verbale di accertamento.
Il pagamento deve essere effettuato entro 60 giorni dalla data di notifica del verbale.
Per poter effettuare la tempestiva registrazione dell'avvenuto pagamento, si invita l'interessato ad inoltrare l'attestazione del pagamento, entro 10 giorni dal versamento, all'Ufficio Registro Imprese nelle modalità indicate nel verbale di accertamento.

Scritti difensivi
Entro 30 giorni dalla data di notifica del verbale di accertamento della violazione, gli interessati, in alternativa al pagamento, possono far pervenire all'Ufficio Vigilanza Prodotti e Sanzioni della C.C.I.A.A. sede legale di Udine scritti difensivi in carta semplice, con i quali possono richiedere di essere sentiti dall'Ufficio.

Prescrizione
Il diritto dell'Ufficio a riscuotere le somme dovute a titolo di sanzione si prescrive nel termine di 5 anni dalla data di violazione.

Spese di procedimento e notifica
Con delibera della Giunta Camerale n. 7 del 19.11.2018 – allegato A), sono in vigore i seguenti importi relativi a spese di procedimento e notifica del verbale:

  • Euro 30,00 per ogni obbligato

file correlati