Esprimi il tuo giudizio
Ultimo aggiornamento: 19/09/2013

Attività di macinazione

L'esercizio dell'attività di macinazione (Nuovo impianto, riattivazione impianto preesistente trasformazione e trasferimento impianto, voltura impianto) è subordinato alla "Segnalazione Certificata di Inizio Attività - SCIA", da presentare alla CCIAA contestualmente all'effettivo inizio dell'attività produttiva, attestante l'esistenza dei presupposti e dei requisiti di legge. 

Normativa di riferimento

  • Legge 7 novembre 1949, n. 857 e successive modifiche
  • D. Lgs. 31 marzo 1998 n. 112 artt. 21 e 22
  • L. R. 4 marzo 2005 n. 4
  • L. 69/2009 
  • D.L. 26 marzo 2010 n. 59 
  • L. 122/2010, art. 49

 

Per chi è
Chi intende esercitare l'attività di macinazione di cereali deve presentare segnalazione certificata  di inizio attività (SCIA) contestualmente all'inizio dell'attività di macinazione nel nuovo impianto.
Chi intende modificare/trasformare/trasferire/riattivare un impianto esistente deve presentare segnalazione certificata di inizio attività (SCIA)contestualmente all'effettiva modificazione / trasformazione / trasferimento /riattivazione dell'impianto medesimo.
Nota bene: la data di inizio attività presente sul modello (modello I2 - I2 - UL - S5) deve coincidere con la data di presentazione della “SCIA”. 

Requisiti
Normativa antimafia

Nei confronti di tutti i soggetti indicati dalla normativa antimafia non devono sussistere cause di decadenza, di sospensione o di divieto di cui all'art. 67 del D.Lgs. 06/09/2011, n. 159 e successive modificazioni.

Adempimenti da effettuare presso il registro delle imprese/AIA

1) Nuovo impianto, riattivazione impianto preesistente

  • "segnalazione certificata di inizio attività - SCIA" da presentarsi al registro imprese contestualmente all'effettivo inizio della macinazione di cereali in allegato ai moduli: S5 in caso di società, I1 se trattasi di nuova ditta individuale - I2 se trattasi di ditta individuale già esistente - UL se trattasi unità locale, ovvero all'Albo delle imprese artigiane se impresa artigiana con la relativa modulistica
  • diagramma di macinazione relativo al processo di lavorazione
  • copia della notifica di nuova impresa alimentare (NIA) alla ASL competente per territorio ai fini della registrazione come OSA – Operatore del Settore Alimentare 
  • planimetria dei locali
  • descrizione dei macchinari e degli attrezzi relativi agli impianti, delle principali modalità di lavorazione della potenzialità di produzione giornaliera dell'impianto

2) Trasformazione (modifica e trasferimento sede impianto)

  • "segnalazione certificata di inizio attività - SCIA" da presentarsi al registro imprese contestualmente all'effettivo inizio della macinazione di cereali in allegato ai moduli: S5 in caso di società, I1 se trattasi di nuova ditta individuale - I2 se trattasi di ditta individuale già esistente - UL se trattasi unità locale, ovvero all'Albo delle imprese artigiane se impresa artigiana con la relativa modulistica
  • diagramma di macinazione relativo al processo di lavorazione
  • copia della notifica della variazione (VIA) come OSA alla ASL competente per territorio 
  • planimetria dei locali
  • descrizione dei macchinari e degli attrezzi relativi agli impianti, delle principali modalità di lavorazione della potenzialità di produzione giornaliera dell'impianto

3) Voltura impianto (affitto o acquisto dell'attività di macinazione senza modifica degli impianti)

  • "segnalazione certificata di inizio attività - SCIA" da presentarsi al registro imprese contestualmente all'effettivo inizio della macinazione di cereali in allegato ai moduli: S5 in caso di società, I1 se trattasi di nuova ditta individuale - I2 se trattasi di ditta individuale già esistente - UL se trattasi unità locale, ovvero all'Albo delle imprese artigiane se impresa artigiana con la relativa modulistica
  • copia del contratto di affitto o compravendita oppure gli estremi dello stesso al fine del suo reperimento presso il Registro delle Imprese 
  • copia della notifica della variazione (VIA) come OSA alla ASL competente per territorio 
  • descrizione dei macchinari e degli attrezzi relativi agli impianti, delle principali modalità di lavorazione della potenzialità di produzione giornaliera dell'impianto.

Tempistiche
L'amministrazione competente ha 60 giorni di tempo per procedere alla verifica della "segnalazione certificata di inizio attività – SCIA" e, in caso di verificata assenza dei requisiti e dei presupposti di legge, inibire la prosecuzione dell’attività, salva la regolarizzazione della stessa entro un termine fissato dall’amministrazione medesima (L. 122/2010, art. 49 comma 4 bis).