Esprimi il tuo giudizio
Ultimo aggiornamento: 11/10/2018

Elenco operatori agrituristici

Di che cosa si tratta
L’iscrizione nell’Elenco costituisce il presupposto necessario per ottenere l’autorizzazione Comunale per poter esercitare l’attività agrituristica.

Normativa di riferimento
Legge Regionale 22 luglio 1996 n. 25 e successive modifiche e integrazioni.
D.P.R. n. 0234/Pres dell'11 ottobre 2011. Regolamento, recante i criteri e le modalità per l’esercizio dell’attività di agriturismo, in esecuzione dell’articolo 5 della legge regionale 22 luglio 1996, n. 25.
Ai fini dell’iscrizione nell’Elenco, l’impresa deve presentare apposita domanda alla Camera di Commercio (MAGR20), dichiarando i seguenti requisiti:

Requisiti generali:

  • Possono iscriversi all’Elenco i coltivatori diretti e gli imprenditori agricoli, nei limiti dell’art. 2135 del Codice Civile, iscritti nel Registro delle Imprese, di cui all’art. 8 della Legge 580/1993, nonché gli organismi associativi con finalità economiche costituiti da allevatori conduttori di pascoli e di malghe.
  • Carattere di connessione e complementarità dell’attività agrituristica rispetto all’attività agricola, che deve comunque rimanere principale.
    Il carattere di principalità dell’attività agricola rispetto a quella agrituristica si intende realizzato quando vengono utilizzati spazi aziendali e prodotti derivanti prevalentemente dall’attività dell’azienda agricola, mediante l’impiego di tempo/lavoro in misura superiore nell’attività agricola, rispetto a quello impiegato nell’attività agrituristica; impiego esclusivo, per lo svolgimento dell’attività agrituristica, di personale partecipante all’impresa familiare, ai sensi dell’art. 230-bis del Codice Civile, nonché di personale dipendente normalmente impiegato nell’attività di conduzione del fondo.

Requisiti morali

  • L’art.6 della legge 20 febbraio 2006, n. 96 “L’esercizio dell’attività agrituristica non è consentito, salvo che abbiamo ottenuto la riabilitazione, a coloro:
    a) che abbiano riportato, nell’ultimo triennio, con sentenza passata in giudicato, condanna, per uno dei delitti previsti dagli articoli 442, 444, 513,515, 517 del codice penale, o per uno dei delitti in materia di igiene e di sanità o di frode nella preparazione degli alimenti previsti da leggi speciali
    b) che siano sottoposti a misure di prevenzione ai sensi della legge 27/12/1956, numero 1423 e successive modificazioni, o che siano stati dichiarati delinquenti abituali”
  • non devono sussistere cause di divieto, di decadenza, di sospensione di cui all’art.10 della legge 31/05/1965 n.575 e successive modificazioni (normativa antimafia) e che tali cause non devono sussistere nei confronti dei propri conviventi.

Requisiti professionali

  • Frequenza (da parte del richiedente o del preposto alla conduzione, se persona diversa dal richiedente MAGR19) di un corso, di almeno 90 ore, di formazione professionale per operatori agrituristici, ovvero impegno alla frequenza del medesimo entro un anno dall’iscrizione.
    Non è necessaria la frequenza del corso per i richiedenti che siano in possesso di diploma universitario o di istruzione secondaria superiore, oppure di qualifica di operatore agroambientale, agrituristico o agroindustriale a seguito di corso di durata almeno triennale presso un Istituto professionale di stato o equiparato

Le domande vanno corredate dalla seguente documentazione:

  • relazione dettagliata dell’attività che si intende svolgere, con descrizione delle caratteristiche dell’azienda;
  • eventuale attestazione di frequenza al corso per operatori agrituristici.
  • Copia di documento d’identità del titolare/legale rappresentante e dell’eventuale preposto.

Adempimenti successivi all’iscrizione:

  • Entro un anno dall’iscrizione all’Elenco degli operatori agrituristici l’interessato, qualora abbia dichiarato l’impegno alla frequenza del corso di formazione per operatori agrituristici, dovrà presentare il relativo attestato di frequenza.
  • Entro tre anni dall’iscrizione all’Elenco degli operatori agrituristici, l’interessato dovrà presentare la domanda di autorizzazione al Sindaco del Comune ove sono ubicati gli immobili destinati all’esercizio dell’attività agrituristica, pena la cancellazione dall’Elenco stesso.
  • Ottenuta l'autorizzazione comunale, l'operatore agrituristico deve notificare al Registro delle Imprese l'inizio dell'attività nei termini e nelle modalità stabilite dallo stesso (entro 30 giorni dall'avvio dell'attività).

Costi per l’iscrizione
Attestazione del versamento di €31.00 per diritti di segreteria sul C/C  corrente bancario acceso presso la Civibank, il cui codice IBAN è il seguente: IT20W 05484 63741 T20990484918 intestato alla Camera di commercio di Pordenone - Udine con indicata la seguente causale “iscrizione Elenco operatori agrituristici” oppure versati direttamente presso l’U.O. Registro Imprese.

Imposta di bollo: una marca da bollo secondo gli importi vigenti, da applicare sul modulo della domanda.