Esprimi il tuo giudizio
Ultimo aggiornamento: 08/11/2019

Quando versare

Imprese di nuova iscrizione
Le imprese iscritte in corso d’anno sono tenute al versamento del diritto annuale contestualmente alla presentazione della domanda ovvero con modello F24 entro trenta giorni dalla data di presentazione della stessa.

Imprese già iscritte
Versano in coincidenza con il pagamento del primo acconto delle imposte sui redditi.

Società con proroga di bilancio e/o esercizio non coincidente con l'anno solare
Nel caso in cui la società usufruisca della proroga di approvazione del bilancio e/o chiuda l'esercizio in una data diversa dal 31/12, il diritto annuale dovrà essere versato rispettando sempre il criterio generale della scadenza del primo acconto delle imposte, ovvero (articolo 17 D.P.R. 7.12.2001 n. 435 e successive modifiche e integrazioni):

  • per le società che devono approvare il bilancio entro 4 mesi dalla chiusura dell'esercizio, l'ultimo giorno del sesto mese successivo a quello di chiusura del periodo d'imposta;
  • per le società che in base a disposizione di legge approvano il bilancio oltre il termine di 4 mesi, l'ultimo giorno del mese successivo a quello di approvazione del bilancio;
  • nel caso indicato al punto precedente, se il bilancio non è approvato entro il termine stabilito, l'ultimo giorno del mese successivo a quello di scadenza del termine stesso.

L'anno di riferimento da indicare nel modello F24 (solo nel caso di esercizio che non si chiuda al 31/12) coincide con quello del giorno di chiusura dell'esercizio cui il versamento si riferisce (mentre, se l'esercizio è solare, si versa indicando l'anno successivo):
1º esempio: esercizio chiuso il 31/12/2018; versamento del diritto 2019 entro il 01/07/2019.
2º esempio: esercizio chiuso il 30/04/2019, versamento del diritto 2019 entro il 31/10/2019.
3º esempio: esercizio chiuso il 30/09/2019, versamento del diritto 2019 entro il 31/03/2020.
Nei tre casi proposti, si suppone che il bilancio sia stato approvato nei 4 mesi. Nel caso di bilancio approvato il quinto mese dopo la chiusura dell'esercizio, le scadenze rimangono invariate; se il bilancio è approvato - in base a proroga prevista nello statuto - in 6 mesi, le scadenze sopra riportate diventano rispettivamente 31/07/2019, 02/12/2019, 30/04/2020.
È sempre possibile effettuare il pagamento negli ulteriori 30 giorni successivi, maggiorando gli importi dovuti dello 0,40% (anche in caso di versamento in compensazione con altri tributi).

Nel caso invece di società con esercizio prolungato (ovvero che al momento della costituzione decidano di adottare un esercizio di durata superiore ai 12 mesi), tali soggetti verseranno il diritto dovuto al momento dell'iscrizione, e l'anno successivo - quando il primo esercizio ancora non è terminato - effettueranno di nuovo il versamento per la classe minima di fatturato al momento dell'esazione con scadenza ordinaria. Ciò, di nuovo, per il carattere "annuale" del tributo. Si veda, a proposito, la circolare MAP n. 555358 del 25.7.2003.

Versamenti eseguiti in ritardo rispetto alla scadenza

  • Entro i primi 30 gg. dalla scadenza si può versare l‘importo del diritto annuale insieme alla maggiorazione dello 0,4%.
  • L’importo ottenuto non deve essere arrotondato ma versato con i decimali.
  • Dopo i primi 30 gg. dalla scadenza, ma entro l’anno, si può utilizzare la modalità agevolata “ravvedimento operoso”.