Esprimi il tuo giudizio
Ultimo aggiornamento: 28/12/2015

Albo delle società cooperative

E’ un albo istituito presso il Ministero dello Sviluppo Economico (ex Ministero delle Attività Produttive) con Decreto del 23 giugno 2004, come modificato dal Decreto del 6 marzo 2013, al quale hanno l’obbligo d’iscrizione tutte le Società Cooperative e le Società di Mutuo Soccorso.

L’albo che sostituisce i Registri Prefettizi e lo Schedario Generale della cooperazione è gestito con modalità informatiche e si avvale anche della collaborazione degli uffici delle Camere di Commercio.

Il Registro Regionale delle Cooperative

Dall’1 gennaio 2011, a seguito dell’entrata in vigore dei Regolamenti emanati con Decreti del Presidente della Regione, attuativi della L.R. n. 2 del 3 dicembre 2007, è stato istituito dalla Regione Friuli Venezia Giulia, il Registro Regionale delle Cooperative (RRC) che ricalca la struttura dell’Albo Nazionale delle Cooperative ed è tenuto dalla competente Direzione Regionale per il tramite degli uffici delle Camere di Commercio.
E’ un registro pubblico ed è gestito con modalità informatiche.

E’ articolato in sezioni e categorie conformemente all’Albo (nazionale) e si compone di tre sezioni:

  • nella prima sezione sono iscritte le Società Cooperative a Mutualità Prevalente di cui agli articoli 2512, 2513 e 2514 del codice civile;
  • nella seconda sezione sono iscritte le Società Cooperative diverse da quelle a Mutualità Prevalente;
  • nella terza sezione (istituita, ai sensi dell’articolo 23 comma 1 del D.L. n. 179 del 18 ottobre 2012, convertito con modificazioni dalla L. n. 221 del 17 dicembre 2012) sono iscritte le Società di Mutuo Soccorso.

A sua volta è suddiviso nelle seguenti categorie:

a) cooperative di produzione e lavoro;
b) cooperative di lavoro agricolo;
c) cooperative sociali;
d) cooperative di conferimento prodotti agricoli e allevamento;
e) cooperative edilizie di abitazione;
f) cooperative della pesca;
g) cooperative di consumo;
h) cooperative di dettaglianti;
i) cooperative di trasporto;
l) consorzi cooperativi;
m) consorzi agrari;
n) banche di credito cooperativo;
o) consorzi e cooperative di garanzia e fidi;
p) altre cooperative

L’iscrizione nel Registro Regionale delle Cooperative sostituisce a tutti gli effetti quella nell’Albo (nazionale): le cooperative aventi sede nel territorio regionale non risulteranno, pertanto, iscritte all’Albo Nazionale ma solo al Registro Regionale ed è condizione per godere di qualsiasi agevolazione di carattere fiscale o di altra natura concessa dalla legge a favore della cooperazione.
Per le cooperative con sede legale in Friuli Venezia Giulia l’iscrizione nel Registro consegue automaticamente all’iscrizione della nuova società cooperativa nel Registro delle Imprese, attraverso la presentazione della Comunicazione Unica.

E’ la Direzione Regionale ad attribuire a ciascuna società cooperativa il numero di iscrizione, con l’indicazione della sezione di appartenenza nonché a provvedere alla variazione di sezione nel caso in cui la società abbia perso il requisito della mutualità prevalente.
Il numero di iscrizione è riportato nelle visure e nei certificati camerali ed è tipo logicamente omogeneo a quello nazionale.

Gli enti cooperativi già esistenti alla data dell’entrata in vigore del Regolamento n. 255/2010 e presenti nell’Albo Nazionale delle società cooperative presso il Ministero dello Sviluppo Economico, sono iscritte automaticamente nel Registro Regionale, mantenendo lo stesso numero (di formato esemplificativo: A000000).

SANZIONI PER MANCATA ISCRIZIONE

L’iscrizione all’Albo delle Società Cooperative ha carattere costitutivo ed è quindi elemento essenziale ai fini della qualificazione mutualistica. In assenza di questa iscrizione, la società cooperativa non è tale e non può invocare le agevolazioni previste per il proprio settore.

A tal fine il Ministero ha precisato che la mancata iscrizione all’Albo, non consentendo lo svolgimento della normale attività di vigilanza da parte del Ministero stesso, configura un funzionamento irregolare della società, sanzionabile con l’adozione del provvedimento di Gestione Commissariale previsto dall’articolo 2545-sexiesdecies c.c.

Lo stesso Ministero ha precisato che la mancata presentazione della domanda di iscrizione all’Albo, preclude l’attribuzione del numero di iscrizione all’Albo stesso, che è un requisito di “completezza formale e sostanziale degli atti e dei documenti prodotti dalle Cooperative”. Da ciò consegue la non ricevibilità da parte della Pubblica Amministrazione della documentazione priva del citato numero di iscrizione, compresa quella destinata al Registro delle Imprese (deposito bilanci, modifiche di statuto, variazione negli organi sociali ecc.).

MODALITA’ DI ISCRIZIONE ALL’ALBO DELLE SOCIETA’ COOPERATIVE

L’iscrizione all’Albo avviene contestualmente all’iscrizione al Registro delle Imprese utilizzando la Comunicazione Unica.
A decorrere dall’1 aprile 2014, non deve più essere compilato ed allegato il modulo C17 per le pratiche destinate all’Albo delle Società Cooperative, in quanto sostituito dal riquadro 31, integrato nel modulo di iscrizione (modello S1 in caso di contestuale iscrizione al Registro delle Imprese o modello S2 in caso di società cooperativa già iscritta) e dal riquadro “Deposito per l’Albo Cooperative”, integrato nel modello B per il deposito del bilancio.

SOGGETTI OBBLIGATI ALLA PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA
 
Il soggetto obbligato è il legale rappresentante.
I soggetti legittimati sono:

  • il Notaio che richiede l’iscrizione dell’atto costitutivo e/o modificativo di adeguamento dello statuto;
  • il Procuratore munito di modello procura;
  • il Dottore Commercialista ed Esperto Contabile iscritto nel relativo albo ed incaricato dal legale rappresentante.

COSTI

L’importo previsto per l’iscrizione all’Albo delle Società Cooperative è di € 40,00 e la pratica è soggetta ad imposta di bollo pari a € 16,00 (ad eccezione delle esenzioni di legge previste per le società cooperative sociali).
Il pagamento dei suindicati importi avviene mediante il sistema prepagato “Telemaco Telepay” al momento della protocollazione della pratica presentata al Registro delle Imprese.

RIFERIMENTI DI LEGGE

  • D.M. n. 14907/2004 su istituzione dell’Albo delle Società Cooperative, modificato ed integrato con il D.M. del 6 marzo 2013 in occasione del recepimento della nuova normativa in materia di Società di Mutuo Soccorso che sono tenute anch’esse ad iscriversi all’Albo, nella specifica sezione appositamente costituita.
  • L.R. n. 27/2007 sull’istituzione del Registro Regionale delle Cooperative.
  • Decreto del Presidente della Regione n. 0255/Pres. Del 24/11/2010 – Regolamento per l’organizzazione e la tenuta del Registro regionale delle cooperative, in attuazione dell’articolo 3 della L.R. n. 27/2007.
  • Circolare MISE n. 3668/C del 27/02/2014 su Istruzioni per la compilazione della modulistica per l’iscrizione e il deposito nel Registro delle imprese e per la denuncia al Repertorio delle notizie Economiche ed Amministrative (REA).