how to write a briefing paper term paper cover page format phd dissertation help my dissertation research and methodology writing dissertation aims and objectives the ghost writer location debate on homework essay on my dream robot term papers diabetes mellitus
Esprimi il tuo giudizio

SviluppoImpresa è norma che guarda al futuro»

13.01.21

Da Pozzo e Agrusti concordi nel valutare positivamente il disegno di legge «nel metodo e nel merito»

È un giudizio positivo di metodo e di merito quello che i presidenti di Confcommercio Fvg, Giovanni da Pozzo, e Confindustria Alto Adriatico, Michelangelo Agrusti, rispettivamente presidente e vicepresidente della Camera di Commercio di Pordenone-Udine, danno del disegno di legge “SviluppoImpresa” presentato oggi dall’assessore regionale alle Attività produttive Sergio Emidio Bini ai rappresentanti delle categorie economiche.

Secondo Da Pozzo, «il mondo del terziario, che ha maggiormente subito gli effetti della crisi causata dalla pandemia, è molto soddisfatto di questo impianto normativo perché tiene conto delle difficoltà contingenti ma guarda al futuro e ai nuovi modelli che su cui l’economia dovrà basarsi per la ripresa. La ripartenza dipenderà anche dalla cornice nazionale che verrà data ai fondi europei». Un plauso in particolare va alla centralità attribuita al turismo «un comparto – ha detto Da Pozzo - che fa da motore a tutti gli altri comparti e che giustamente viene sostenuto e migliorato».

Per Agrusti «la norma è frutto di un confronto che andrebbe preso a modello anche per la riforma di altri settori, come la sanità. L’industria ha tenuto testa alla crisi, molti settori sono in ripresa, questo grazie ad un’assunzione di responsabilità diretta della categoria. Ora è giusto dare aiuto, puntare sulla ristrutturazione finanziaria e sull’ingegneria finanziaria innovativa, all’internazionalizzazione, nonché su un patto stretto e solidale tra settori economici».

La giunta, è il commento condiviso dei presidenti, ha agito bene sia da un punto di vista tecnico che politico, salvaguardando gli strumenti del passato che hanno dimostrato la loro efficacia e intervenendo in quegli ambiti che adesso richiedono maggiore innovazione e coraggio.


Autore: Ufficio stampa