Esprimi il tuo giudizio

Progetto BEAT, alla firma il memorandum di collaborazione Italia-Croazia

17.05.19

Il progetto BEAT giunge al suo atto finale con la firma del Memorandum fra partner ed imprese della Blue Economy che sarà sottoscritta il prossimo 22 maggio.

Avviato nel gennaio 2018, BEAT (Blue enhancement action for technology transfer) è il progetto finanziato dal Programma UE Interreg V Italia-Croazia 2014-2020, coordinato da ConCentro, l’azienda speciale della CCIAA di Pn-Ud e da Unioncamere del Veneto, che ha rafforzato l’innovazione e la cooperazione fra le imprese e i centri di ricerca consentendo di fornire a una quarantina di aziende italiane e croate dei report sulle attitudini e gli atteggiamenti del personale aziendale verso l’innovazione.
 L’incontro finale di progetto fra il partenariato internazionale si svolgerà mercoledì 22 maggio, alle ore 10.00, nella la Sala Europa di Unioncamere del Veneto, PST Vega in via delle Industrie 19/C. Durante la conferenza finale saranno illustrati i risultati delle attività di benchmark della capacità innovativa delle imprese italiane e croate, le implicazioni manageriali, di policy e le opportunità di un cluster transfrontaliero del mare Adriatico a supporto dell’industria marittima. Alcune imprese coinvolte in BEAT (Cantieri Navali Vittoria, Cantieri Navali Serenissima, General Fluidi, Murgons d.o.o) forniranno poi la loro testimonianza sulle attività di monitoraggio del clima aziendale verso i processi innovativi. A conclusione verrà firmato il MoU (Memorandum of Understanding - Accordo di collaborazione) tra partner croati, italiani e le imprese per un impegno comune e condiviso verso future collaborazioni in ambito di Blue Economy.
 Il partenariato transfrontaliero è composto da: ConCentro e Unioncamere del Veneto in qualità di lead partner; Autorità portuale di Venezia; Università di Trieste – Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali, Matematiche e Statistiche; Maritime Technology Cluster FVG; Agenzia per lo sviluppo regionale della Regione dell’Istria e Università di Fiume – Dipartimento di Biotecnologie.


Autore: Ufficio Stampa