Esprimi il tuo giudizio

Domani l’udienza al Tar del Lazio.

05.12.17

La sconcertante assenza della Regione

Domani, 6 dicembre, si discuterà avanti il TAR del Lazio il ricorso proposto dalla Camera di Commercio di Pordenone contro il provvedimento del Ministero che ha accorpato la Camera di Commercio di Pordenone a quella di Udine.Il TAR dovrebbe decidere sulla sospensiva del provvedimento richiesta da Pordenone ma non si esclude che venga disposto un rinvio in attesa dell’imminente deposito della sentenza con la quale la Corte Costituzionale si pronuncerà sui ricorsi delle Regioni Lombardia,Puglia e Liguria che a suo tempo avevano impugnato la legge sul riordino delle Camere di commercio ritenendola lesiva delle loro prerogative ,Nel procedimento avanti al TAR si sono costituite la Camere di Commercio di Udine , quella della Venezia Giulia e l’avvocatura dello Stato chiedendo che il ricorso della Camera di Pordenone venga rigettato. Brilla per la sua assenza la Regione Friuli Venezia Giulia .Questa assenza che è ,a dir poco sconcertante ,evita però alla Presidente Serracchiani l’umiliazione di dover prendere atto in modo diretto che la Camera di Commercio della Venezia Giulia nella sua memoria di costituzione manifesta la netta contrarietà alla costituzione di un’unica Camera di Commercio Regionale nonostante che la stessa Serracchiani avesse concesso l’intesa alla costituzione della Camera della Venezia Giulia,risultante dalla fusione di quelle di Trieste e Gorizia, come atto prodromico ad un'unica Camera regionale. Non volendo credere che la nostra Regione si sia resa latitante nel giudizio in corso, nonostante la declamata volontà di sostenere la costituzione di un’unica Camera di Commercio ,per lasciare libero il campo a chi vuole concentrare tutto a Udine ed a Trieste o per calcoli elettorali,viene da pensare che accetti di essere presa in giro. Le categorie economiche del Pordenonese lo ricorderanno.


Autore: Ufficio stampa