Esprimi il tuo giudizio

Cciaa: economia sotto indagine

16.03.06

La Camera di Commercio di Pordenone presenta l’indagine congiunturale della provincia relativa al secondo semestre 2005, riguardante l’andamento del manifatturiero e dei suoi principali sottosettori (meccanica, legno-mobile e coltelleria), del settore edile e del commercio al dettaglio, curata, per conto della Cciaa, dalla società Questlab Srl di Mestre.
 “L’indagine – ha dichiarato il Presidente camerale Giovanni Pavan - indica la volontà della Cciaa di voler tenere monitorato il panorama delle imprese, la situazione generale dell’anno trascorso e il trend per il prossimo”.

Dall’indagine è emerso che il settore manifatturiero, dopo la battuta d’arresto registrata nel primo semestre 2005, ha concluso l’anno con discrete performance, soprattutto la componente estera della domanda che è aumentata del +11,4%. Per le imprese manifatturiere intervistate, la quota di fatturato derivante dalle esportazioni è, al solito, rilevante e pari mediamente al 40%. Il sottosettore della meccanica è il settore trainante del manifatturiero pordenonese, per il suo peso in termini di imprese e per le elevate performance fatte segnare nel corso degli ultimi due anni. Anche nel secondo semestre del 2005 si registrano ottimi tassi tendenziali di crescita della produzione con il +13,8% e del fatturato totale con il +13,2%. La notevole propensione all’esportazione (la quota del fatturato estero è pari a circa il 54% del fatturato totale) assieme all’andamento della componente estera della domanda (fatturato estero +20,9% e ordini esteri +13,6%) hanno determinato questa crescita consistente nel corso di tutto il 2005.
Nel sottosettore dell’industria del mobile si è registrato nel corso del 2005 un rallentamento della produzione e del fatturato, che si è fatto particolarmente sentire nel primo semestre, ma è proseguito anche nella seconda metà dell’anno. Il tasso di crescita della produzione tendenziale è sostanzialmente pari a zero e quello del fatturato totale permane negativo ( 0,6%).
Il settore del metallo e prodotti in metallo, che interessa prevalentemente il distretto industriale del coltello di Maniago, nell’ultimo semestre ha finalmente registrato un tasso tendenziale di crescita positivo della produzione e del fatturato, rispettivamente del +3,6% e +1,7%, dopo tre semestri di tassi negativi.
Per quanto riguarda le previsioni per i prossimi sei mesi, relativamente a produzione, ordini interni e fatturato totale, esse sono improntate ad un cauto ottimismo. Aumentano rispetto al recente passato, e superano il 30% del campione, coloro che si aspettano una crescita superiore al +2%. In particolare il 39% circa delle imprese si aspetta una crescita del fatturato più che positiva. I settori dove si concentrano le previsioni ottimistiche sono il metalmeccanico e gli “altri settori manifatturieri”. Infine sale al 29,6% la percentuale di imprese del campione che prevede una crescita dei prezzi di vendita superiore al +2%. Ciò è almeno in parte imputabile al permanere del costo elevato dei prodotti energetici, quali ad esempio il petrolio.
Il settore del commercio al dettaglio nel corso del 2005 ha fatto registrare andamenti positivi del tasso di variazione tendenziale delle vendite. Nell’ultimo semestre si sono riscontrati valori crescenti delle vendite a livello tendenziale (+1,9%) e soprattutto congiunturale (+7%).
Per il settore costruzioni, dopo i cali consistenti della produzione rilevati negli ultimi tre semestri, si osserva una flessione molto contenuta della produzione nel secondo semestre del 2005 (-0,5%), grazie ad una ripresa congiunturale delle commesse estere e interne. Il fatturato totale tendenziale del settore si mantiene leggermente positivo con un +0,2%, mentre il fatturato congiunturale s’impenna al +17,9%. Le previsioni sono orientate prevalentemente alla stabilità degli indicatori settoriali (compresi tra -2% e +2%), con una riduzione della percentuale di coloro che prevedono una crescita superiore al +2% nella prima metà del 2006.

Dal sito www.pn.camcom.congiuntura.it è possibile scaricare la sintesi dei risultati, il testo completo del rapporto e la rassegna stampa degli articoli inerenti.
La Camera di Commercio ringrazia le imprese che hanno prestato la propria collaborazione, contribuendo in tal modo al buon esito dell’indagine.