Esprimi il tuo giudizio
Ultimo aggiornamento: 21/08/2013

SISTRI - Il Nuovo Sistema di Tracciabilità dei Rifiuti

Con il Decreto del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare del 18 febbraio 2011, pubblicato sul S.O. n. 107 della Gazzetta Ufficiale n. 95 del 26 aprile 2011, “Regolamento recante istituzione del sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti” si è raggruppato in unico provvedimento, una sorta di testo unico, quanto contenuto nel D.M. del 17 dicembre 2009, istitutivo del SISTRI, e nei successivi provvedimenti di modifica.

Tale sistema, andrà a sostituire l’attuale gestione cartacea del ciclo dei rifiuti: formulario di identificazione dei rifiuti, registro di carico e scarico e modello unico di dichiarazione ambientale (MUD) con dispositivi elettronici, che semplificheranno gli adempimenti amministrativi a favore delle imprese.

Sistri USB

Sostanzialmente il Sistri  è un dispositivo elettronico per l’accesso in sicurezza dalla propria postazione al sistema, definito dispositivo USB, idoneo a consentire la trasmissione dei dati, a firmare elettronicamente le informazioni fornite e a memorizzarle sul dispositivo stesso. Ciascun dispositivo USB può contenere fino ad un massimo di tre certificati elettronici associati alle persone fisiche individuate durante la procedura di iscrizione come delegati per le procedure di gestione dei rifiuti. Tali certificati consentono l’identificazione univoca delle persone fisiche delegate e la generazione delle loro firme elettroniche ai sensi dell’art. 21 del d.lgs. 7 marzo 2005, n. 82. Ciascun dispositivo USB contiene: l’identificativo utente (username), la password per l’accesso al sistema, la password di sblocco del dispositivo (PIN) e il codice di sblocco personale (PUK).

Riavvio del sistema SISTRI

Dopo la sospensione dell’avvio del sistema sino al 30 giugno 2013, determinata dal Decreto del 22 giugno 2012 n. 83 (Gazzetta Ufficiale n.147 del 26/06/2012), il D.M. 20/03/2013  ha sbloccato l'operatività del tracciamento telematico, stabilendo le nuove scadenze.

Si tratta di un avvio che passa attraverso due fasi: riallineamento ed operatività.

Il 30 aprile sono scattate le verifiche sull'aggiornamento dei software e delle dotazioni tecnologiche già acquistate ed installate nel 2011, per le prime imprese chiamate al nastro di partenza (Sistri dal 1°ottobre). Rientrano in questo gruppo i produttori iniziali di rifiuti speciali pericolosi con più di 10 dipendenti, gli enti e le imprese che gestiscono rifiuti speciali pericolosi individuati nell'articolo 3, comma 1, lettere c), d), e), f), g) e h), del DM 52/2011.

A seguire temporalmente tali soggetti negli adempimenti (allineamento dati dal 30 settembre 2013, tracciamento rifiuti dal 3 marzo 2014) saranno, secondo il nuovo DM, tutti gli altri enti o imprese obbligati all'iscrizione al Sistri.
L'obbligo di iscrizione al Sistri, per coloro che non vi hanno ancora provveduto, va assolto entro i termini iniziali di operatività della nuova macchina: entro il 1° ottobre da parte dei grandi produttori e gestori di rifiuti pericolosi; entro il 3 marzo 2014 da parte degli altri soggetti.

Nel decreto è previsto l'esonero del pagamento del contributo Sistri anche per tutto il 2013, esclusivamente a favore di enti e imprese già iscritti al Sistri alla data del 30 aprile 2013. Nulla è previsto sia per la ripresa del pagamento del servizio, sia per l'eventuale recupero del biennio 2012/2013.In ogni caso, per un mese dopo le singole scadenze di avvio, si ripropone il regime del "doppio binario" di tracciabilità; tutti gli obbligati dovranno continuare a tenere i tradizionali registri e formulari per i 30 giorni successivi alla data di operatività del Sistri prevista per le diverse categorie di operatori.

Si riporta uno schema con il nuovo calendario degli adempimenti:

Scarica la tabella in formato PDF

 

MODALITA' DI ISCRIZIONE AL SISTRI 

Le imprese devono aderire al sistema iscrivendosi con una delle seguenti modalità:

  • tramite il portale www.sistri.it
  • telefonicamente al n.800 00 38 36
  • via fax inviando il modulo di iscrizione compilato al n. 800 05 08 63
  • a mezzo posta elettronica inviando il modulo di iscrizione compilato all’indirizzo iscrizionemail@sistri.it  

N.B. Prima di inserire i dati necessari all’iscrizione, per evitare inesattezze, è necessario confrontarli con quelli dichiarati al Registro delle imprese, partendo da una visura camerale aggiornata dell’impresa.  

 

CONSEGNA DEI DISPOSITIVI 

Prima di procedere alla consegna dei dispositivi già in possesso della Camera di Commercio, l’Ufficio Ambiente della stessa provvederà all’invio di una mail informativa sulle nuove procedure. Successivamente verranno fissati e comunicati con lo stesso mezzo gli appuntamenti per la consegna dei dispositivi, in modo da mettere in grado le imprese che siano già intestatarie di un dispositivo Sistri, di adeguarsi alla nuova normativa. In quest’ultima comunicazione verranno indicati, oltre alla data e l’ora dell’appuntamento, la documentazione necessaria al ritiro e il numero di telefono e l’indirizzo e-mail a cui fare riferimento in caso di necessità di spostamento dell’appuntamento dato.

 

INFORMAZIONI 

Tutte le informazioni per l’iscrizione al SISTRI e le modalità operative per l’avvio a regime del sistema sono disponibili sul sito www.sistri.it o possono essere richieste telefonando al numero verde del SISTRI: 800 00 38 36.